Articoli con tag decrescita

Non lasciar divorare altro verde dal cemento

mostro_vs_parco_di_cisanello

, ,

Nessun commento

Merenda al Parco di Cisanello

Eco City - Pisa 2012

Domenica 28 Ottobre 2012 ore 14.30 – via Bargagna

The, cioccolata, torte, pane e marmellata…

Shanghai gigante, trampoli, gioco dell’oca e tanti altri giochi a cura di ArciRagazzi Pisa

Laboratorio di rifinitura panchine per il parco 😉

Buongiorno a tutti gli amici e a tutte le amiche del Parco di Cisanello,

a due anni dall’inizio della campagna per promuovere il mantenimento del verde nell’area compresa tra via Bargagna e via Cisanello creando un grande parco urbano, possiamo dire che grazie alla nostra campagna il Comune ha fatto sua, almeno in parte, l’idea del Parco di Cisanello.

La battaglia però non è ancora finita, perchè la destinazione a parco urbano è prevista soltanto per un terzo di tutta l’area. Nello specifico, partendo dalla Pubblica Assistenza, l’area è stata divisa in tre parti, quelle esterne edificabili e quella centrale a verde pubblico.

E’ facile intuire come l’idea di un grande parco pubblico che dia respiro ad un quartiere fortemente cementificato sarebbe così molto ridimensionata. Ai lati del parco dovrebbero essere costruiti, da una parte la nuova Stella Maris con un suo ampio parco, mentre dall’altra due edifici ad uso commerciale. Se rispetto alla Stella Maris pensiamo come positivo il fatto che una struttura simile sia inserita in una ampia zona verde, di contro siamo convinti che non ci sia alcuna reale necessità degli altri due edifici, se non quella di garantire il valore dei terreni ai proprietari (Comune compreso). Abbiamo quindi intenzione di continuare la campagna per chiederne la eliminazione e la realizzazione del grande Parco di Cisanello che tutti vogliamo.

Durante l’ultima iniziativa organizzata nel parco abbiamo “costruito”, all’altezza del residence Isola verde, un piccolo vero e proprio parco, piantando fiori e alberi, costruendo una panchina fatta con pancali di recupero e due sentieri per raggiungerlo. Questo per permettere che più persone conoscano e facciano l’esperienza positiva che quell’area già ora è capace di offrire.

Ed è proprio lì che domenica 28 ottobre dalle 14.30 abbiamo organizzato un pomeriggio al’insegna del gioco per i più piccoli e della creatività per i più grandi, che si concluderà con una merenda a base di cioccolata calda, qualche dolce, pane, marmellate e olio nuovo.

Naturalmente siete tutti invitati e se avete a casa vernici colorate che magari vi sono avanzate da qualche lavoro o attrezzi utili a costruire nuove panchine portateli con voi.

Un grazie speciale dall’ormai famoso Nello Cisa!

Scarica il volantino qui

un’iniziativa realizzata con il patrocionio di Nello Cisa a cura di:
WWF PisaLIPU Pisa – ¡Mosquíto!Comitato Salviamo l’Acquedotto MediceoLegambiente PisaArciRagazzi Pisa

 

, , ,

Nessun commento

Costruiamo un vero parco a Cisanello!

cisa nello alla ricerca del parco perduto

cisa nello alla ricerca del parco perduto

Domenica 23 Settembre 2012 ore 15.00

Via Bargagna accanto alla Pubblica Assistenza

vieni a darci una mano a pulire, piantare, costruire panchine…
…insomma ad allestire il futuro parco di Cisanello.

Se vuoi porta una piantina e qualche attrezzo.

sono previste anche attività per i bambini…
…dalle 19.00 rinfresco.

Il Parco delle Torri?

Il quartiere di Pisanova sarà caratterizzato non da una ma da ben due torri, visibili da km di distanza e da tutta la città così come, n dal XIII secolo, è stata la torre pendente l’elemento simbolo della Pisa storica.

Lo chiamano il Parco delle Torri ma è solo l’ennesima colata di cemento che si sta riversando su Pisa mentre il vero parco è sotto attacco

scarica il volantino dell’iniziativa qui


È nato il Parco di Cisanello

Nella giornata di ieri, Domenica 23 Settembre 2012, una cinquantina di cittadini di tutte le età si è ritrovata nell’area verde abbandonata tra via Bargagna e via Cisanello. L’appuntamento, lanciato dal gruppo di associazioni che da anni lotta per la realizzazione di un parco urbano in quell’area, aveva lo scopo dichiarato di cominciare a realizzare il parco dal basso. In attesa che le amministrazioni competenti – Provincia (proprietaria dell’area) e Comune (decide le destinazioni d’uso) – si mettano d’accordo, i cittadini hanno cominciato, con le loro braccia e i loro attrezzi a costruire un parco.

L’obiettivo di ieri era cominciare dalla realizzazione di un sentiero che consenta a tutti di apprezzare la bellezza e il valore di quell’area, in modo da capire cosa si perderebbe se fosse cementificata. Il sentiero prosegue dallo stradello già esistente che dalla pubblica assistenza porta all’impianto di clorazione dell’acquedotto, fino a sbucare su via Bargagna all’altezza delle Poste. Si attraversano ambienti molto diversi tra loro: alberi ad alto fusto, campi di sterpaglie e more, dove un tempo c’erano i campi coltivati, boschetti di prugnoli selvatici ed altre essenze spontanee. Da ieri è possibile passeggiare in questo patrimonio di verde nel bel mezzo del quartiere più popoloso e trafficato della città, sono stati infatti rimossi gli ostacoli, messi in opera delle passerelle sui vecchi canali di scolo, piantati numerosi alberi, da frutto e non, per abbellire il sentiero.

Al centro del percorso, nel cuore del parco, c’è persino una piccola area di sosta, impreziosita da piante di vario tipo, da un orticello, e da una panchina realizzata con materiale di recupero. I bambini che hanno partecipato all’iniziativa hanno deciso di chiamarla Piazza della Natura, con tanto di cartello.

I promotori della giornata vogliono ringraziare tutti i cittadini che hanno partecipato, anche chi è venuto a fare una semplice passeggiata, e invitano tutti ad aver cura e abbellire sempre di più questo sentiero. Ci auguriamo che sia solo un piccolo inizio per un grande parco nella nostra città.

Gruppo di associazioni e cittadini per il parco di Cisanello

, ,

Nessun commento

Pisa Park(ing) Day 2012

Logo parkingDayErba al posto della piazzola di sosta

Il progetto nato a San Francisco arriva a Pisa venerdi 21 e sabato 22 settembre per occupare una piazzola trasformandola in un’area all’insegna della creatività.
Via l’auto dal parcheggio e al suo posto mettiamo una piazzola d’erba, portiamo un ombrellone, fiori, sedie, scacchi, bocce…
…purché diventi uno spazio aperto a tutti dove ritrovarsi e chiacchierare.

scarica il volantino dell’iniziativa qui

 

 



Più Parchi meno Parcheggi

Oggi, in più di 160 centri urbani di tutto il mondo artisti, attivisti e cittadini trasformano temporaneamente parcheggi in piccoli parchi pubblici o in altri spazi di aggregazione. Si tratta del Park(ing) Day, che nasce nel 2005 negli Stati Uniti con l’obiettivo di sfidare le menti a ri-pensare il modo in cui le strade vengono usate e per riflettere sull’esigenza di cambiamenti che sarebbero necessari alle infrastruttura urbana.
Nelle grandi città come nei piccoli centri il traffico e l’inquinamento continuano ad aumentare in modo insostenibile e i piani urbanistici non sono in grado di produrre spazi di vita sani e piacevoli. Il Park(ing) day chiede ai cittadini di re-immaginare le possibilità del paesaggio urbano.
Su questo concetto semplice si articola la tre giorni che il gruppo di associazioni e cittadini per il Parco di Cisanello, insieme a Rebeldìa organizzano per questo fine settimana.
Due giorni, Venerdì 21 e Sabato 22, di creatività in strada, inserendo parchi e luoghi di relax tra le auto parcheggiate. Si occupa un parcheggio per un certo periodo pagando la sosta, ma invece di “sprecare” quello spazio con una ennesima automobile, si prova a dargli nuova vita mettendo in scena un parco in miniatura. Prato, sedie, piante e tavolini caratterizzeranno, seppur per pochi minuti, i parcheggi della nostra città.
Il carattere evidentemente simbolico vuole far riflettere su come utilizziamo un bene sempre più prezioso e sempre più raro: lo spazio a disposizione di tutti.
Questa riflessione ovviamente non può che riguardare anche la grande area ad oggi inutilizzata a Cisanello, che deve diventare il grande Parco Centrale di Pisa. Per questo domenica, le associazioni e i cittadini per il parco cominceranno a anticipare il suo futuro. Armati di buona volontà e di vanghe, daremo vita ad un percorso fruibile con passerelle, corrimano, aiuole, alberi e panchine che faccia conoscere quell’enorme patrimonio di verde a tutti i cittadini, che spesso ci passano a fianco in auto, ma che raramente si accorgono della sua presenza.
Invitiamo tutti a venire armati di attrezzi da giardinaggio, piante o alberelli ormai troppo grandi per il vostro balcone o anche “solo” di voglia di cominciare a prendersi cura della nostra città, Domenica 23, dalle 15 in poi presso il Parco di Cisanello (ingresso a fianco della Pubblica Assistenza in via Bargagna). Alla fine dei lavori è previsto un piccolo rinfresco.
L’amministrazione comunale si dice intenzionata a prevedere la realizzazione del parco così come richiesto: bene! Noi intanto cominciamo…

, ,

Nessun commento

La crisi dello sviluppoverso venezia 2012

Venezia 2012

Sabato 9 giugno ore 17.30
Presso impianti sportivi la Cella, Pisa

all’interno del Music 4 Planet
Mosquito e CRETA presentano:

La crisi dello sviluppo verso venezia 2012

Intervengono:
Ugo Bardi Docente di Chimica, Università di Firenze
Paolo Ermani Presidente di PAEA – Progetti alternativi per l’energia e l’ambiente

Daniela Passeri giornalista, responsabile ufficio stampa
della Conferenza di Venezia

Simone D’Alessandro Ricercatore di Economia Politica, Università di Pisa

Breve presentazione dei relatori:
Ugo Bardi si occupa di esaurimento delle risorse fossili e di energie rinnovabili. E’ autore di alcuni libri sul tema dell’esaurimento delle risorse fossili: “La fine del petrolio” e “La Terra Svuotata”.
Paolo Ermani è socio fondatore del movimento per la decrescita felice, collabora con il quotidiano online “Il Cambiamento”. Autore del libro “Pensare come le montagne”.
Daniela Passeri è giornalista e responsabile dell’ufficio stampa della Conferenza di Venezia.
Simone D’Alessandro studia le relazioni tra economia e ambiente, ha partecipato alle prime due conferenze internazionali sulla decrescita presentando studi di carattere economico sull’argomento.

L’incontro avrà l’obiettivo di chiarire alcuni contenuti principali del tema della decrescita, a livello teorico ma anche pratico, sulle scelte, che a vari livelli possono essere promosse per indurre un cambiamento sociale ecologicamente sostenibile. Cercheremo anche di capire come il movimento per la decrescita sta procedendo verso la terza conferenza internazionale sulla decrescita che sta coivolgendo tantissime associazioni e realtà.

Temi dell’incontro:
Simone D’Alessandro introdurrà l’incontro spiegando che cos’è decrescita economica per la sostenibilità ecologica e l’equità sociale. L’intervento si focalizzerà su alcuni aspetti economici legati al tema della decrescita: occupazione, debito pubblico, fornitura di servizi pubblici. Inoltre si cercherà di capire come una gestione partecipata dei beni comuni ed un loro sviluppo possa contribuire a risolvere alcune delle contraddizioni tipiche che la crisi attuale ha reso ancor più manifeste.
Ugo Bardi presenterà il libro “La Terra Svuotata”, uno studio che riconsidera a distanza di alcuni decenni gli scenari prodotti dal Club di Roma raccolti nel famoso rapporto “I limiti dello sviluppo”. L’intervento si focalizzerà sul tema dell’esaurimento delle risorse fossili, cercando di capire se e come l’umanità riuscirà a superare la fine di queste risorse tenuto conto in particolare della crisi che stiamo attraversando.
Paolo Ermani presenterà il libro “Pensare come le montagne” un manuale teorico-pratico di decrescita per salvare il pianeta. L’intervento metterà in luce i cambiamenti che ciascuno di noi può portare avanti per tendere verso una vera sostenibilità sociale ed ecologica.

Daniela Passeri racconterà come si sta organizzando la terza conferenza internazionale sulla decrescita che si terrà a Venezia a settembre 2012. In particolare, ci si soffermerà sulle iniziative di promozione sui territori e quali sono gli obiettivi che si vuole raggiungere.

A seguire dibattito libero

Nessun commento

Sviluppo insostenibile? Riflessioni pubbliche su sviluppo e decrescita

, ,

Nessun commento